Uso questo blog per pensare. Lo uso per arrabbiarmi per le cose non giuste. Lo uso per condividere il mio pensiero con chi voglia farlo. Non ho altro che abbia senso mettere in comune. Gionata

sabato 19 agosto 2017

Il mitico buonismo e gli Stronzi veri


Il mondo è complicato. A molti la complessità dà fastidio, costringe a pensare e fa venire il mal di testa. E cosa fai quando una cosa ti dà fastidio? Cerchi di eliminarla.

Eliminare la complicazione però...è complicato. Solo i grandi scienziati sono riusciti a leggere tra le complesse righe della natura le semplici e logiche note delle leggi fisiche: spesso lineari ed eleganti, sottendono fenomeni altrimenti incomprensibili: la chimica, la geologia, il moto degli astri (con quello veramente siamo ancora un po' in difficoltà).

Invece noi comuni mortali come facciamo a gestire la complessità? Beh, cerchiamo di circoscriverla e di approssimare. Se un soggetto è troppo grande per comprenderlo proviamo a suddividerlo in pezzi più piccoli e comprensibili. Alcuni ci risulteranno chiari, e li esploriamo fino a quando non siamo in grado di orientarci bene. Altri magari restano confusi, sullo sfondo, non li penetriamo ma teniamo presente che sono lì, che non possono essere ignorati. Così procede la conoscenza, progressivamente, a fatica, ma funziona.

E gli Stronzi? Gli Stronzi non fanno così. Gli Stronzi si inventano i buonisti. Gli stronzi hanno già deciso, e quindi non perdono tempo a imparare. Loro hanno le palle, loro sanno come si fa, e non hanno tempo da perdere con il noioso processo dell’apprendimento. Quindi chi cerca di usare il cervello, di capire ogni volta, è una femminuccia o meglio, un buonista.

Una definizione precisa di buonista non esiste, dato che il termine viene adattato alla bisogna dallo Stronzo di turno. Però ci provo: ecco, questa potrebbe essere la definizione adatta:

“buonista è colui che, nel momento in cui qualcuno esprime un’opinione o compie un gesto genericamente ostile o insultante, in maniera immotivata, illogica e non rispettosa della realtà dei fatti nei confronti di qualcun altro, non è d’accordo, e lo dichiara.”

Il buonismo, secondo gli Stronzi, ha anche proprietà transitive: ovvero se io non sono d’accordo sul chiamare le persone con la pelle nera “cioccolatini”, allora, nella disonesta semplificazione dello Stronzo, io automaticamente sono a favore dello sbarco continuo e incontrollato di milioni di persone, della loro sistemazione in resort di lusso, e di tutti gli altri stereotipi di questo genere, compresa la rimozione dei crocifissi (caso particolare, dato che in effetti io i crocifissi nei luoghi pubblici non li metterei)  e l’aumento costante dello stipendio di Fabio Fazio e dei parenti immaginari di Laura Boldrini.

Beh, capita invece che molti di quelli che si beccano regolarmente del buonista non siano così. Innanzitutto perché sono tutti diversi. E quindi su ogni argomento si fanno un’idea propria, indipendentemente da quello che dice qualche personaggio televisivo o leader politico più o meno simpatico. Non ci credete. Eh lo so: perché siete Stronzi.

Secondariamente perché voi conoscete poco la lingua italiana, o quantomeno la usate male, tanto, che ve ne frega a voi. E quindi “buono” e “buonista” per voi è la stessa cosa. Bzzzzzzz. Sbagliato. Leggete il dizionario. Anche “per bene” e “perbenista” per voi è uguale. Bzzzzzz. Sbagliato ancora. Ma ci fate o ci siete?

Poi non vi rendete conto, e forse questo è il vostro più grosso e pericoloso errore, che quelli che voi chiamate sprezzantemente buonisti, non sono così passivi come possono sembrare. I vostri “buonisti” hanno cambiato il mondo difendendo e conquistando i diritti DEGLI ALTRI, rischiando la propria pelle, e qualche volta lasciandocela. E quando è stato necessario, hanno appeso dittatori per i piedi (cit. @CiccioRatti). Quindi è meglio che state attenti.

Ci sarebbe molto da dire anche sugli Stronzi, ma qualcuno lo ha già fatto prima e meglio di me. Trovate un’ottima definizione qui:


A questo link, Vito Tartamella, che non conosco ma ringrazio, spiega bene cosa essi sono. In particolare Tartamella utilizza una definizione di Aaron James che dice che lo Stronzo “rifiuta di considerare gli altri come eguali dal punto di vista morale”. E quindi tira dritto per la sua strada ignorando gli altri. Ma non preoccupatevi cari Stronzi, non vi riconoscerete, dato che mentite anche a voi stessi.

Infine, ormai dovrebbe essere chiaro, i buonisti, così come ve li siete inventati voi Stronzi, non esistono. Nella vostra fantasia servono per giustificare le vostre meschinità, i doppi standard secondo cui voi avete tutti i diritti e gli altri devono stare muti. I buonisti ve li siete inventati e avete deciso di crederci così come credete alle fandonie del web, incapaci come siete di riconoscere le balle, dato che vi confermano nei vostri pregiudizi. I buonisti sono una delle distorsioni della realtà che servono per fare funzionare le vostre logiche malate.

Invece esistete voi, e noi normali tolleriamo la vostra esistenza. Ringraziateci.

lunedì 7 agosto 2017

Presidenti Bastardi

Guardate questi tizi. Fanno uno più schifo dell’altro. Uno si vanta di avere ammazzato delle persone. Un altro ritiene che il proprio popolo di presunti cristiani possa decidere il numero di musulmani che abitano nel suo paese. Questo vuole buttare 22 milioni di famiglie sul lastrico, in modo da abbassare le tasse ai super-ricchi. Quello vuole cambiare le leggi per rimanere al potere per sempre. Poi uno si fa fotografare mentre mitraglia e lancia coltelli, mentre un altro vuole imbavagliare la corte suprema del suo paese. E infine c’è quello che mette in galera i giornalisti e licenzia i docenti che sono contro di lui.
Sono Presidenti Bastardi e hanno una cosa in comune: sono stati tutti regolarmente eletti.
In quasi tutti i casi (fatta eccezione per Maduro), enti internazionali hanno certificato la validità delle loro elezioni. Ovvero i loro concittadini li hanno voluti al potere. Magari solo una maggioranza relativa, o magari neanche quella, come nel caso di Trump che è presidente solo perché i collegi elettorali erano divisi in un modo che gli è risultato favorevole, dato che la Clinton aveva preso più voti di lui. Però la loro ascesa al potere è avvenuta all’interno delle regole democratiche dei loro paesi.
In tutti questi casi la gente aveva la possibilità di rimandarli a casa loro a calci nel culo, bastava non votarli. E invece no: milioni di persone hanno pensato: ecco una persona con un ego enorme, arrogante, che non ha rispetto per gli altri, e che chiaramente non intende fare il bene del suo paese, ma solo della propria parte e di sé stesso (perché lo dichiarano!). Votiamo lui.
Da dove viene questo bisogno di mettersi nelle mani di un bastardo? Scarsa alternativa? Ma come, hai poca alternativa e allora scegli il peggiore? Come diceva un comico qualche mese fa, se il menù offre poco, non è una buona ragione per scegliere lo shit sandwich.
Forse essere bastardi è una specie di simulacro della forza e la gente si confonde e quindi vota per questi bastardi pensando di mettersi in mano a un “uomo forte” in tempi di crisi? Forse. Però oggettivamente anche così i conti non tornano. Gli USA non sono in condizioni disperate, anzi, otto anni di amministrazioni Obama li hanno risollevati economicamente e anche a livello internazionale. L’Ungheria e la Polonia sono forse quelli in condizioni migliori tra i paesi dell’Europa orientale. Eppure hanno scelto questi personaggi, tracotanti, che si atteggiano come i duri dei cartoni animati, bastardi di carta, per me.
Adesso però mi viene in mente che hanno in comune anche un’altra cosa, tutti questi Presidenti Bastardi: il costante richiamo al nazionalismo. Che ci sta: insomma, se ti presenti come un condottiero valoroso e battagliero, ci vuole qualcuno da combattere. Ci vuole un Noi e un Loro. E il nazionalismo è il modo più rapido di creare queste categorie.
Puttanate, direte voi. Nessuno crederebbe a stronzate del genere, lo sanno tutti che il nazionalismo è uno strumento che chi è al potere ha sempre usato per intortare i sudditi e che nello scorso secolo ha causato DUE GUERRE MONDIALI. Chi mai crederebbe a cazzate di questo tipo? Eh, il vostro vicino di casa, probabilmente. Voi proverete a spiegargli che non deve farsi prendere in giro, e scoprirete che ormai ha già abboccato. E ripete gli slogan e le bufale e i falsi ragionamenti della macchina della propaganda senza più farsi domande. Perché è più comodo se qualcuno pensa al tuo posto.
E allora? Come si aggiusta la democrazia? Si può prevenire il fatto che i Presidenti Bastardi vengano eletti? Perché fino a una ventina di anni fa gente così sarebbe stata sommersa di risate e oggi invece governano?
Certo, l’istruzione, la cultura, i valori della democrazia che vanno insegnati, tutto quello che vogliamo. Ma questi concetti non sono difficili da capire, e la gente se ne frega e vota i bastardi lo stesso. Mentono, lo sa, e li vota lo stesso. E allora? Forse quello che molti non capiscono più è che tutto ciò che oggi abbiamo ci viene in gran parte dal fatto di avere avuto per lungo tempo un sistema democratico. Non ci sono paesi al mondo in cui esista un benessere diffuso che non siano anche democratici.
Molti, avendo vissuto sempre all’interno di questi sistemi, dànno per scontata la democrazia. Che cosa vuoi che cambi se un leader si fa la costituzione su misura, o accorpa i poteri dello stato, o si accanisce sui poveri? Domani lo cambiamo se non ci piace.
Certo, se ve lo permetteranno. Oppure no. Oppure vi sveglierete una mattina in un mondo lontano, in cui qualcun altro decide per voi. E cosa farete, a parte dare la colpa a qualcuno che non c’entra niente?
Spero che gli elettori di Presidenti Bastardi non ci facciano passare ancora attraverso quello che i nostri nonni hanno vissuto nel ventesimo secolo, quando molti di loro, che non avevano fatto niente di male, ci sono rimasti secchi.